Tutti gli articoli in Casi clinici

Fibroma uterino – caso clinico 9

Donna di 43 anni, con cicli mestruali sempre più emorragici, non più controllati con la terapia ormonale, che la obbligano a consumare 3 pacchi di assorbenti. In anamnesi 2 isteroscopie per fibromi. Hb = 9,8. I controlli ecografici indicano la presenza di 3 fibromi, di cui uno intramurale con sconfinamento sottomucoso, in costante accrescimento. La paziente, con già 2 gravidanze alle spalle rifiuat la soluzione dell’isterectomia.

Continua a leggere

Fibroma uterino – caso clinico 8

Caso clinico di fibroma uterino

Donna di 39 anni, con cicli mestruali sempre abbondanti, molto emorragici, non più controllati con la terapia ormonale. Hb = 10,8. I controlli ecografici indicano la presenza di 2 fibromi, di cui uno intramurale con sconfinamento sottomucoso, in costante accrescimento. La paziente, non ha avuto gravidanze, vorrebbe provare e non vuole sottoporsi ad interventi chirurgici.

Autore: Dott. Stefano PIERI

Indicazioni: Il fibroma uterino sintomatico, non sensibile alla terapia ormonale, specie se con localizzazione intramurale, rappresenta la migliore indicazione per una embolizzazione.

Continua a leggere

Trattamento percutaneo del varicocele

Per trattamento percutaneo s’intende l’occlusione della vena spermatica interna, partendo da un accesso vascolare non chirurgico; attraverso manovre di cateterismo e visione radioscopica delle strutture anatomiche, durante l’iniezione di mezzo di contrasto, è possibile identificare il circolo patologico e chiuderlo tramite agenti embolizzanti

Questa opzione terapeutica si è imposta gradatamente; da un primitivo utilizzo della sola flebografia, per fornire spiegazioni della persistenza di un reflusso, dopo intervento chirurgico, si è passati alla contemporanea introduzione di agenti embolizzanti durante la fase diagnostica, configurandolo come un intervento alternativa alla chirurgia. L’assenza di un’anestesia generale, la non necessità di ricorrere ad un ricovero ospedaliero, la selettività di azione, oltre alla dimostrazione della complessità anatomica delle vene che sostengono un varicocele, e la non presenza dei fastidiosi effetti collaterali di un intervento chirurgico, come l’idrocele, ne hanno aumentato il ruolo e lo spazio di azione.

Agenti embolizzanti

Oggi, come agenti embolizzanti, si preferisce impiegare una schiuma di sodiotetradecilsolfato [embolizzante liquido che, unito ad alcuni cc di aria e miscelato con vigore tramite due siringhe confluenti, può garantire una omogenea distribuzione lungo le pareti del vaso venoso], piuttosto che l’alcool [agente embolizzante liquido, molto attivo sulle pareti venose, ma estremamente doloroso], o le spirali [embolizzante meccanico che garantisce la chiusura del vaso sulla base della conformazione spiraliforme che assume, una volta rilasciato dal catetere;  il calibro del vaso che varia in funzione del respiro e della situazione che il paziente sta vivendo, oltre ad un non corretto sovradimensionamento del calibro, possono creare i presupposti per una loro migrazione].

Tecnica

La tecnica prevede un accesso percutaneo [in anestesia locale – quello più comune è il femorale, che necessita di cateteri angiografici con conformazione cobra; meno utilizzati sono quello brachiale e giugulare, che necessitano di cateteri multipurpose – l’impiego di un introduttore valvolato, sebbene facoltativo, è consigliabile, per avere sempre una vena di servizio, da cui poter iniettare dei farmaci, evitando due punture al paziente], la navigazione verso la vena renale [l’impiego della guida idrofilica, su cui fare scorrere il catetere angiografico si è rivelata una ottima scelta tecnica, per la maggiore scorrevolezza del complesso – la visione radioscopica diretta consente di evitare errori di direzione – nella progressione caudo-craniale dell’accesso femorale, estremamente utile quando la vena renale è diretta verso l’alto, la guida  viene fatta scorrere filo all’ilo renale; la punta del catetere cobra, una volta ritirata lentamente il filo guida, si troverà a contatto con la confluenza della vena spermatica interna o con la parete inferiore della vena renale sinistra – nella navigazione cranio-caudale, garantita dagli altri due accessi venosi, ideale per un decorso orizzontale e caudale della vena renale, l’ingresso del filo guida nella vena verrà agevolato da una profonda inspirazione], la flebografia diagnostica [l’iniezione di mezzo di contrasto, effettuata con la punta del catetere quasi nell’ilo renale, durante l’esecuzione di una manovra di Valsalva, ha lo scopo di evidenziare l’anatomia della vena, l’inclinazione del decorso della vena renale, l’esistenza di un reflusso nella vena spermatica interna e, quindi, dove questa confluisce nella vena renale – oltre al fisiologico decorso tra l’aorta e l’arteria mesenterica superiore, alcune anomalie della vena renale sono state chiamate in causa per tentare di fornire una spiegazione alla genesi del varicocele; il tipo pre-aortico rappresenta l’80-90% delle condizioni, quello totalmente retro-aortico rappresenta il 3-4%, mentre quello circum-aortico rappresenta il rimanente 6-10% dei pazienti. Queste condizioni potrebbero generare un regime ipertensivo, che favorirebbe il reflusso venoso all’interno della vena spermatica interna ], il cateterismo selettivo [sono l’insieme di manovre con cui si cerca di fare progredire prima  il filo guida all’interno della vena spermatica, per costituire il supporto su cui fare scorrere il catetere diagnostico], la dimostrazione dell’anatomia venosa per la scelta del punto più idoneo dove iniettare il farmaco sclerosante, la terapia [sclerotizzazione, se solo iniezione di un farmaco; oggi sodiotetradecilsolfato al 3%, miscelato ad aria (2cc di farmaco con 5  cc di aria), ciascuna in una siringa, miscelate tra loro tramite un rubinetto, in grado di aderire meglio alle pareti della vena spermatica interna, in modo da determinare una irritazione chimica, a cui seguirà, nell’arco di 15 giorni, un processo infiammatorio, riparativo, che porterà alla cicatrizzazione del vaso.
Non ha il rischio di mobilizzazione della spirale. L’iniezione di farmaco dovrebbe iniziare all’interno del canale inguinale interno, per continuare lungo tutto il tragitto della vena, parallelamente alla lenta retrazione del catetere angiografico, fino a circa 2-3 cm dalla confluenza della vena spermatica in renale. Per prevenire il passaggio del farmaco all’interno del sacco spermatico viene posizionata una pressa esterna, oppure si fa ritirare verso l’alto il sacco scrotale, in modo da clampare la vena ed evitare una fastidiosa flebite a tale livello  – embolizzazione, se solo rilascio di una spirale o altro agente meccanico in grado di occludere il vaso venoso. Questa tecnica prevede la scelta del presidio sulla base del diametro della vena, con una maggiorazione del 10-20%, in modo da farla aderire alle pareti. L’enorme variabilità di dilatazione di tale vaso (per cui il calibro reale difficilmente è quello misurato), con migrazione della spirale, i costi elevati, ne hanno gradatamente consigliato l’abbandono  – scleroembolizzazione è l’unione delle due opzioni terapeutiche].

Post-intervento

Dopo l’intervento, il paziente osserverà un periodo di riposo assoluto, per tre giorni, e una fase di riposo relativo, con astensione dagli sforzi fisici almeno per 15 giorni, per evitare la riapertura della vena sclerotizzata.

A distanza di due-tre mesi dall’intervento, seguirà la valutazione dei risultati ottenuti, con un nuova visita specialistica [oltre all’accertamento della scomparsa dei sintomi, si verificherà la scomparsa delle ectasie venose e la consistenza del funicolo spermatico], con un  eco-color-Doppler [si cercherà la scomparsa del reflusso venoso, sempre durante l’esecuzione della manovra di Valsalva, anche se l’esame è in grado di evidenziare la presenza di una riduzione del calibro delle vene, la presenza di trombosi all’interno e la reazione infiammatoria peri-venosa]. A distanza di sei mesi dall’intervento, l’analisi del liquido seminale confermerà, o meno, la variazione dei parametri quali-quantitativi.

Nel tempo, numerose sono state le telefonate di ragazzi con precedenti problemi ad avere figli, che ci davano la bella notizia di essere riusciti a mettere in cinta la propria moglie o la compagna, a distanza di 3-6 mesi dall’intervento radiologico.

Il Dottor Agresti e Pieri sono a vostra disposizione per una visita o un consulto. Potete chiamarci liberamente usando i contatti in fondo al sito o dalla pagina contatti.

Continua a leggere

TIPS – caso clinico 7

Donna di 72 anni, con cirrosi epatica HCV correlata, esclusa dal trapianto per motivi di età e per comorbilità, si presenta alla nostra osservazione con ascite e idrotorace, resistenti alla terapia medica, con dispnea grave e astenia marcata.

Autori:  Dott. Stefano PIERI e Paolo AGRESTI

Indicazioni

L’ascite e l’idrotorace intrattabili, o resistenti alla terapia medica, costituiscono due validi indicazioni alla TIPS, una volta che il paziente non può essere candidato al trapianto.

Anamnesi

La paziente ha contratto l’epatite C, dopo un intervento odontoiatrico, visto che in anamnesi non risultano altre cause. Silente per oltre 40 anni, la malattia ha esordito con la comparsa di astenia e dispnea. Una volta accertata la presenza di ascite ed idrotorace, la paziente è stata sottoposta a terapia medica, a dosaggi crescenti. Vista la sempre maggiore resistenza alla terapia, è stata aiutata con paracentesi e toracentesi settimanali. Da ultimo, la paziente ha chiesto una cura “più drastica” per migliorare la sua qualità di vita e la sua sopravvivenza.

Continua a leggere

Fibroma uterino – caso clinico 6

Caso clinico

Embolizzazione di arterie uterine per leiomioma (fibroma) sintomatico

Autori: Dott Stefano Pieri – Dott. Paolo Agresti presso una prestigiosa azienda ospedaliera nel quartiere monteverde di Roma.

Indicazione

Il fibroma uterino sintomatico si evidenzia con una sintomatologia caratterizzata da alterazioni del ciclo mestruale, o con un effetto massa sulle strutture adiacenti o con disturbi della fertilità.

Anamnesi

Donna di 32 anni, con presenza di due aborti nella storia clinica recente e diagnosi di voluminoso fibroma, intramurale a sviluppo sottomucoso, ad ampia base d’impianto, delle misure di cm 6,8 per 5,6.

Continua a leggere

Sindrome congestione pelvica – caso clinico 5

Caso clinico

Donna di anni 45, addetta alle pulizie, con storia clinica di senso di pesantezza al basso ventre, che si accentua dopo una lunga giornata di lavoro. Riferisce dolori ai rapporti.

Autori:   Dott. Stefano Pieri  – Dott. Paolo Agresti

Indicazioni

La storia clinica e gli accertamenti diagnostici (eco-color-Doppler e Risonanza magnetica)  orientano verso una sindrome della congestione pelvica.

Anamnesi:   dolore addominale cronico, comparso da oltre 5 anni, dopo la seconda gravidanza e accentuatosi negli ultimi 6 mesi.  Il dolore si accentua poco prima e durante il ciclo mestruale.  Obbliga ad assumere costantemente farmaci antispastici e antidolorifici. 

Continua a leggere

Chemioembolizzazione fegato tumore – caso clinico 4

Chemioembolizzazione convenzionale per il trattamento del tumore primitivo del fegato

Intervento realizzato dai dottori: Pieri  Stefano*, Pellicelli  Adriano^, D’Ambrosio  Cecilia^, Villani  Roberto^, Fondacaro  Lucia^, Agresti  Paolo*.

* U.O.C. Radiologia Interventistica

^ U.O.C. Epatologia

presso una prestigiosa azienda ospedaliera nel quartiere monteverde di Roma.

Indicazione

Effettuare una terapia loco-regionale in un paziente con tumore primitivo del fegato, non candidato alla resezione chirurgica, per la presenza di altre patologie (insufficienza cardiopolmonare) e il rifiuto espresso dal paziente a sottoporsi a tale soluzione terapeutica più invasiva.

Paziente: donna di 75 anni, con pregressa epatite C, attualmente in classe Child B4, con la presenza di una lesione focale epatica alla RM effettuata nel programma di controlli periodici; la lesione al V segmento ha le caratteristiche contrastografiche tipiche del tumore primitivo del fegato: iper-intensità in fase arteriosa, ipo-intensità in fase portale e tardiva.

Continua a leggere

Isterosalpingografia – caso clinico 3

Isterosalpingografia in paziente con infertilità

Intervento realizzato dai Dott. Stefano PIERI e Dott. Paolo Agresti presso una prestigiosa azienda ospedaliera nel quartiere monteverde di Roma.

Anamnesi

L’isterosalpingografia è la valutazione radiografica dell’utero e delle tube; viene utilizzata principalmente nello studio della infertilità, o in casi di ricorrenti aborti, o dopo un intervento chirurgico sulle tube. Tale indagine viene sempre più richiesta, di pari passo all’aumento della medicina riproduttiva, alla fertlizzazione in vitro e all’allungamento del tempo del primo concepimento nelle donne del mondo occidentale.

La paziente: donna di 32 anni, con 2 aborti spontanei nel recente periodo. Indagine richiesta dal suo ginecologo, prima d’intraprendere un nuovo tentativo di gravidanza.

Continua a leggere

Recupero corpi estranei – caso clinico 2

Donna di 68 anni, con precedente asportazione della mammella sinistra e attualmente sottoposta a cicli periodici di chemioterapia.

Caso clinico rimozione corpi estranei radiologia interventistica Fig 1a

Figura A

Ad un periodico controllo radiologico del torace [Figura A] ci si accorge che l’estremità del catetere del port-A-cath è staccata dal serbatoio. Dopo aver posizionato un introduttore valvolato 8 Fr, grazie ad un particolare catetere per il recupero dei corpi estranei, il frammento di port viene preso all’interno della cavità toracica, nella vena cava superiore [Figura B, sotto], trasportato in vena cava inferiore [Figura C, sotto], poi trascinato in vena iliaca comune [Figura D, sotto], per essere infine impegnato all’interno dell’introduttore in vena femorale [Figura E, sotto].

Continua a leggere

Fibroma uterino – caso clinico 1

Paziente donna, di 45 anni, con senso di pressione addominale, dolori abbondanti al ciclo e necessità di andare al bagno ripetutamente.
3 gravidanze a termine, con sintomatologia in aumento dopo l’ultima gravidanza.
Di fronte alla possibilità dell’isterectomia, la signora sceglie la possibilità di preservare l’organo.

All’ecografia, si evidenzia la presenza di multipli fibromi, in parte intramurali.
Alla Rm, si apprezza la presenza di vari fibromi, di cui il maggiore misura 5,21 per 5,28 cm circa.

Continua a leggere